iPad 3? no, ecco il “nuovo iPad”

[facebook_like_button]

Al Yerba Buena Center for the Arts di San Francisco è da poco terminato il keynote di Apple, sul cui palco è stato presentato l’iPad 3, o meglio il “nuovo iPad”. La terza generazione del tablet firmato Apple, infatti, è stata annunciata proprio come “The new iPad” e presenta, rispetto al predecessore, interessanti novità, prevalentemente hardware.

L’estetica infatti non è mutata, somiglia molto all’iPad 2, non fosse per pochi millimetri che lo rendono più spesso. L’aumento dello spessore da 8,6 a 9,4 mm è stato necessario per permettere l’installazione del nuovissimo Retina Display da 2048×1536 pixel e 9,7″ di diagonale in formato 4:3, che insieme alla fotocamera da 5 megapixel, dotata dello stesso sensore presente su iPhone 4S, ed il nuovo processore A5X, un dual core con GPU integrata quad core, costituiscono le novità principali.

I testi appariranno più chiari che sui quotidiani […] si tratta del miglior display mai prodotto

Sono le entusiaste parole con cui Phil Schiller, vice Presidente di Apple, ha introdotto il nuovo Retina Display, dotato di una risoluzione addirittura superiore al full HD che sui grandi televisori da 40 pollici ed oltre già permette la visione di filmati con un ottimo dettaglio grafico. 3,1 megapixel quindi, per 264 punti per pollice, un dettaglio inferiore però rispetto a quello di iPhone 4 e 4S, che disponendo di un display di misura notevolmente inferiore, consentono di arrivare a 326 DPI punti per pollice.

Passando al cuore del nuovo tablet, il SoC A5X (System on Chip) è un potente dual-core con IGP quad-core (Integrated Graphics Processor), necessario per pilotare il maestoso display. A Cupertino sostengono che sia ben quattro volte superiore al noto chip NVIDIA Tegra 3, il che permetterà l’esecuzione di videogiochi ormai sullo stesso livello di quelli disponibili per le migliori console portatili in commercio. Ciò nonostante l’autonomia dichiarata è di 10 ore, sempre che non si utilizzino le reti dati che, come noto, prosciugano la batteria.

L’altra, attesa novità, come già anticipato è la fotocamera iSight, così ribattezzata prendendo spunto da quella integrata presente sui Mac ormai da diversi anni, e già in vendita precedentemente come accessorio. Sull’iPad 3, infatti, permette la registrazione di filmati 1080p (full HD) ed è fornita con ottica da 5 megapixel e sensore BSI (backside illumination), che permette l’immagazinamento della luce del singolo pixel più intensa, producendo non solo fotografie migliori in caso di scarsa illuminazine, ma anche in generale più dettagliate rispetto a quelle effettuate con fotocamere dotate del vecchio standard frontside illumination. Ma non è tutto, perché anche l’ottica ha subito dei notevoli miglioramenti. Il diaframma dall’apertura ƒ/2.4 e l’obiettivo a cinque elementi, garantisce ulteriore qualità. E ancora il filtro IR ibrido, simile a quello disponibile sulle fotocamere reflex professionali, bloccando i raggi infrarossi rende il colore pià fedele alla realtà.

L’ultima novità è la compatibilità con il nuovo standard di trasferimento dati 4G LTE. La nuova tecnologia, che permette velocità teoriche di 300 Mbps, ancora non è attiva in Italia se non per i primi test. Velocemente, però, si diffonderà in tutto il mondo, grazie anche e sopratutto al fatto che la sua implementazione non richiederà grosse modifiche alle strutture, ma un aggiornamento che permetterà, si spera, di mantenere anche bassi i costi.

Per quanto riguarda i prezzi, la politica di Apple probabilmente non cambierà, e rimarranno invariati rispetto al modello precedente che, con tutta probabilità, continuerà ad essere venduto in versione 16 GB con uno sconto di 100 euro: Wi-Fi 399,00 euro quindi, 519,00 euro invece la versione 3G.

Per la conferma dei prezzi si dovrà quindi attendere la messa in vendita in Italia, che avverrà il 23 marzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *