Facebook: i messaggi privati diventano pubblici?

[facebook_like_button]

Ufficialmente da Palo Alto hanno smentito, ma se è davvero come alcuni utenti lamentano, deve essere stato un aggiornamento dell’immenso database di Facebook a creare questo enorme scombusso. Infatti è da qualche giorno che sembra che sulla Timeline di molti utenti sia possibile leggere i messaggi privati dei propri amici, mischiati a quelli inviati invece attraverso la bacheca.

Le conseguenze non sarebbero di poco conto se si considera che attraverso i messaggi privati, che per definizione possono essere letti solo dai destinatari, ci si scambiano spesso informazioni sensibili.

Cliccando infatti sull’anno di riferimento nella parte destra della timeline sarà visualizzata la scheda “Amici” nella quale saranno elencati tutti i messaggi scambiati con l’utente da tutti i suoi amici ed a quanto dicono, fra questi, anche quelli privati.

Metterci una pezza è comunque possibile nascondendo questa scheda, l’operazione andrà effettuata però per ogni singolo anno.

Basta posizionare il puntatore del mouse sulla scheda, cliccare sull’icona di una matita che apparirà automaticamente e selezionare, come visibile nell’immagine di fianco, su “Nascondi dal diario”.

Tuttavia, non è possibile confermare del tutto la notizia in quanto prima di tutto non tutti soffrirebbero del problema, è probabile che ne soffrano solo quelli registrati da più tempo a Facebook. Inoltre è difficile ricordarsi se un determinato messaggio è stato inviato pubblicamente o sulla bacheca, e su questo equivoco giocano le giustificazioni ufficiali della società di Palo Alto.

Le prime conseguenze della notizia, comunque, già si avvertono in borsa. Il titolo ha perso oggi il 9%, mentre gli amministratori della società sono stati chiamati dalla Francia a rendere spiegazioni chiarendo le possibilità di una tale ipotesi. Qualora fossero confermate le voci che girano, comunque, dal reparto tecnico potrebbero decidere di ripristinare un vecchio backup, per azzerare le modifiche causate probabilmente da un errato aggiornamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *