Accessori iPhone su eBay, attenzione: come ricostruire un cavo dati

[facebook_like_button]

I dispositivi portatili Apple, come iPhone, iPod e iPad, dispongono di un connettore USB proprietario, contrariamente a quanto richiesto dall’Unione Europea (l’adeguamento per il nuovo iPhone 4S, che non prevede la micro USB fisicamente sul dispositivo ma disponibile attraverso un adattatore, sembra una sorta di escamotage) e differentemente da tanti altri cellulari in circolazione che utilizzano standard quali mini e micro USB. Qualora si rompesse il cavetto dati Apple dovremmo quindi acquistarlo per forza di cose da Apple, che lo vende alla “modica” cifra di 17,25 euro, e non poter utilizzare quello di una qualsiasi fotocamera, tablet, o altro dispositivo portatile. Fortunatamente su eBay c’è anche chi vende i compatibili made in China, che facilmente si riescono ad acquistare a 2 euro, comprese le spese di spedizione. Ma c’è qualche differenza con quello originale?

Certo, e le conseguenze possono essere anche abbastanza rischiose, per questo vi racconto la mia esperienza.

Personalmente ho acquistato due cavetti, uno si è rotto dopo due mesi, l’altro dopo soli tre giorni. La differenza tra il primo ed il secondo era che su quello più fragile il cavetto “ballava” all’interno del connettore Apple, ed ogni pressione andava ad influire direttamente sulle saldature, che dopo poco, come immaginabile, si sono letteralmente strappate dalla loro sede. Sul secondo cavetto il jack non si muoveva dal suo alloggio, ma le saldature sono ugualmente saltate.

La mia fortuna è stata che l’unica saldatura a non saltare è stata quella della massa (GND). Nel caso fosse saltata anche quella, e fosse andata ad urtare quella poco distante dei +5 volt, si sarebbe molto probabilmente bruciato irrimediabilmente l’iPhone, tanto quanto l’alimentatore se collegato alla presa della corrente o, peggio ancora, l’intera scheda madre del computer, se collegato all’USB.

Si può fare qualcosa per rimediare? certo, la mia idea è quella di proteggere le saldature con della colla a caldo, ma procediamo per passi.

Prima di tutto ho smontato il jack Apple facendo pressione con un taglierino ed ho verificato il danno.

Ecco come smontare il jack Apple

Successivamente ho tagliato la parte finale del vecchio cavo e “spelato” i cavetti interni, preparandoli per la saldatura.

I quattro contatti sono conformi allo standard USB: GND, +5v, D+, D-

I contatti sono semplici: GND = pin 16, +5v = pin 23, USB D- = pin 25, USB D+ = pin 27.

Schema del cavo dati Apple

Una volta certi, quindi, che le connessioni sono intatte, possiamo cospargerle di colla a caldo e, per evitare che vengano sollecitate ulteriormente, è possibile stringere una fascetta attorno al cavo, calcolando correttamente la chiusura dello spinotto, in modo che ogni sollecitazione faccia perno sulla fascetta e non sulle saldature. In realtà lo spazio all’interno dello spinotto è molto poco, quindi non sarà cosa semplice richiuderlo poi, ma tagliando la fascetta ad arte e calcolando la giusta distanza tra la chiusura dello spinotto e le saldature, non dovrebbero esserci problemi a richiudere il tutto.

Una nota: essendo rimasto senza cavetto, ed avendo la necessità di caricare il telefono, ho improvvisato, come soluzione provvisoria, il collegamento dei soli contatti di alimentazione, trascurando quelli dei dati, ma il telefono non si ricarica. Bisogna quindi saldare in ogni caso tutti i contatti.

Gli esemplari che mi sono capitati si sono rotti tutti sullo spinotto apple e mai sullo spinotto USB, strana coincidenza che invece quello originale si sia rotto in quel punto, ma solo la guaina. Lo spinotto originale infatti è molto più robusto, inoltre il negativo fa schermatura e non è un cavo a parte come su quelli compatibili cinesi. Il maggior costo quindi, almeno in parte, è giustificato… non certo nella misura di Apple però.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *